NEWS

Riformare il servizio postale universale. Estendere invii postali da 2 a 5 kg. Raccolta, smistamento, distribuzione e trasporto

06.12.2017

Sui pacchi ok attuale impostazione fino a 20 kg

“Senza nessun intervento del regolatore, Amazon oggi o qualunque altra multinazionale domani, rischia di sommare il potere quasi monopolistico sul commercio a quello della logistica. Ci sarebbe una massimizzazione del profitto e del potere commerciale senza precedenti.

Amazon ha, di fatto, il controllo dei maggiori centri logistici alle porte di alcune metropoli, mettendo in atto modelli di distribuzione su cui è intervenuta anche l’Agcom, alla quale vanno fatti i complimenti per lo straordinario lavoro svolto sul tema. La politica non può stare a guardare.

Oggi, col commercio elettronico, gli invii postali svolgono il ruolo che avevano ieri le vecchie lettere, è compito della politica, quindi, ripensare al servizio universale postale, estendendolo allo smistamento, alla distribuzione e al trasporto di invii postali da 2 a 5 kg. Sui pacchi fino a 20 kg va bene l’attuale impostazione, anche se vanno rivisti gli accordi sui territori. Una cosa è certa: con il commercio elettronico la vecchia funzione di Poste, archiviata da anni da molti, viene di nuovo esaltata. 

Questo garantirebbe la concorrenza tra brand online e Amazon, che ha di fatto il quasi monopolio del commercio online, dando loro la possibilità di far arrivare i loro prodotti al clienti in 24 ore, proprio come fa il colosso americano, anche in un posto lontano e considerato periferico. Riformando il servizio universale postale riapriamo il mercato, modificando le regole”. Così Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera, intervenendo su Radio24.

 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO



COMMENTA CON FACEBOOK

LEGGI ALTRI ARTICOLI